Questo sito usa i cookies al fine di poter mostrare filmati, strumenti di condivisione social dei contenuti, e ai fini statistici per facilitarne il suo utilizzo e migliorare di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti automaticamente all'utilizzo dei cookies. Se vuoi saperne di più o avere informazioni su come cancellare i cookies clicca qui

Palazzo Ducale “Sanchez de Luna” -

palazzo_ducaleSi trova in Piazza Umberto I°. Costruito tra il 1574 ed il 1592 da Alonzo III Sanchez de Luna d’Aragona, all’epoca Marchese di Grottola e Tesoriere del Regno di Napoli, è stato residenza ininterrotta di questa famiglia e dei Caracciolo di S. Teodoro che ne furono eredi feudali, fino al 1836. Dal 1903 al 1932 fu occupato dal commerciante Giuseppe MACRI’ che aveva avuto trascorsi militari al seguito di GARIBALDI (sergente) e nell’Esercito Regio Italiano (tenente) dopo l’unificazione d’Italia. Donato dallo stesso, con decisione testamentaria, al Comune di S. Arpino, è sede degli uffici comunali e di importanti istituzioni culturali, tra cui la BIBLIOTECA COMUNALE “Luigi Compagnone”, il MUSEO CIVICO e la PINACOTECA COMUNALE1798, in occasione delle nozze dell’allora VI Duca Alonzo VII con Maria Giovanna d’Avalos Marchesa di Vasto e di Pescara.

palazzoducale1L’edificio si sviluppa su tre livelli, con le finestre al piano nobile in maggiore risalto. Il bellissimo portale in piperno presenta una balaustra finemente decorata e sostiene l’ampio balcone della facciata. Tra i tre ordini di questa esistono delle incorniciature che ne appiattiscono piacevolmente l’imponenza. Nei suoi locali, fino a meta del 1800, esistevano affreschi ed opere d’arte. Resti di affreschi e istoriazioni sui soffitti si notano ancora nelle sale di recente restaurate. Da ammirare il maestoso stemma araldico che si trova nella volta dell’ingresso principale. E’ in corso di restauro e dovrebbe essere destinato ad attività culturali. D’ARTE CONTEMPORANEA “MASSIMO STANZIONE” (questi ultime due curate dalla Pro Loco). In un suggestivo salone è allestita la “sala convegni”, in cui si svolgono importanti eventi della cittadina atellana. Il palazzo sorse sul luogo precedentemente occupato da un’antica Chiesa dedicata a S. Elpidio della quale rimangano le tracce in alcune lapidi fatte affiggere dallo stesso ALONZO III.

palazzoducale2

palazzoducale3

palazzoducale5

palazzoducale4

Cine Teatro Lendi


Pulcinellamente_2008_8Il Teatro Lendi di Sant’Arpino è la sede dov’è nata, e nel corso degli anni si è sviluppata, PulciNellaMente. L’imponente struttura è stata inaugurata nell’anno 1978. Fino alla sua prima trasformazione, a metà anni novanta, in multisala, è stato il cinema più capiente dell’area compresa tra le province di Napoli e Caserta. Costruito fin dall’inizio per essere un cinema – teatro, la struttura nel corso degli ultimi mesi ha subito una radicale trasformazione che ne ha cambiato e migliorato ulteriormente la funzionalità, trasformandola in un complesso all’ avanguardia sotto tutti gli aspetti funzionali e logistici. Il teatro Lendi,  fra le altre cose, è sede di convegni, sfilate di moda, saggi, conferenze, happening e giornate scuole.

lendi3

lendi4

lendi5

Sant'Arpino - Comune Atellano


DSC_0291Ricca ed interessante è la storia del nostro comune, le sue radici affondano nei meandri millenari delle vicende dell’antica città di Atella, di cui Sant’Arpino è la più diretta continuità spaziale e temporale. Atella rimane famosa nel mondo letterario per essere stata la culla del teatro italiano, è qua difatti che hanno luogo per la prima volta brevi ed improvvisate azioni sceniche di natura comico – satirica, dette Fabulae Atellane. In esse apparivano dei personaggi fissi che recitavano con delle maschere sul viso, rappresentando Pappus (vecchio scemo), Buccus (chiacchierone), Dossenus (gobbo astuto), Maccus (ghiottone), a detta di molti studiosi proprio quest’ultimo sembra presentare le caratteristiche del progenitore Pulcinellla.

Le Fabulae Atellane con il Teatro romano di Plauto, prima, ed attraverso le commedie rinascimentali, poi, si sono tramandate fino a noi con la Commedia dell’Arte. Atella venne fondata intorno al V secolo a.C. dagli Osci, antico popolo campano. Per la sua posizione geografica, la città fu punto di incontro di più civiltà fra cui quella greca e quella etrusca.
sarpino1

Etruschi, Greci e Sanniti segnarono non solo la storia civile e militare, ma anche l’impianto urbanistico di Atella. Città autonoma per molti anni, Atella coniò anche proprie monete. Entrò poi a far parte della federazione capuano – campana che raggruppava dodici città della Campania, unite per difendersi dalla potenza militare romana. Dopo la seconda guerra sannitica nel 313 a.C. Atella come altre città campane venne assoggettata  dai Romani.

Con l’arrivo dei Cartaginesi in Italia, dopo la battaglia di Canne del 216 a.C. Atella insieme a Capua si alleò con i Cartaginesi di Annibale per tentare di liberarsi dall’oppressione romana e riconquistare la sua antica autonomia.

Dopo la sconfitta di Annibale e la cacciata dei Cartaginesi dall’Italia, Atella venne ridotta alla condizione di “Prefettura” ed ogni anno riceveva quattro prefetti da Roma. Durante le guerre sociali rimasta fedele a Roma, Atella ottenne la cittadinanza romana e fu elevata alla dignità di “Municipium”.

E’ in questo periodo che la città raggiunge il massimo dello splendore, vengono ricostruiti ed ampliati il foro e le terme. Nel 29 a. C.  rimase ad Atella per diversi giorni l’imperatore Ottaviano Augusto che ritornava dalla battaglia di Azio ove aveva sconfitto Antonio e Cleopatra. Nella sua sosta ad Atella l’imperatore s’incontrò con il grande poeta Virgilio il quale lesse ad Ottaviano Augusto per la prima volta le Georgiche alternandosi nella lettura con Mecenate. Il Municipium Atellano possedeva anche un “ager vectigalis” nella Gallia Cisalpina, le rendite provenienti da questo possedimento servivano ad arricchire le casse pubbliche così come attesta una lettera di Cicerone.

La città seguì poi le glorie e le disgrazie dell’impero romano. Nel V secolo d.C. divenne sede vescovile grazie all’opera evangelizzatrice del predicatore cristiano Elpidio, conterraneo di S.Agostino. Nel 533 d.C. fu devastata dai Vandali di Genserico, venne poi successivamente conquistata e depredata dagli Ostrogoti. Dal 552 al 568 fu possedimento bizantino fino alla conquista dei Longobardi. Fece quindi parte del Principato dei Longobardi fino al 1058 anno nel quale passò ai Conti normanni di Aversa che portarono nella vicina città tutto ciò che poteva essere trasportato e reimpiegato. Anche la sede vescovile venne trasferita ad Aversa. Il nome del villaggio S.Elpidio (volgarizzato successivamente in Sant’Arpino) compare per la prima volta in un atto di vendita dell’820 d.C. Un manoscritto datato 877 d.C. comprova che la chiesa vescovile di Atella era dedicata a S.Elpidio fin dal IX secolo.

I due nomi di S.Elpidio ed Atella convissero ufficialmente fino all’XI secolo quando sorta Aversa tutto ciò che restava di Atella venne trasferito nel borgo normanno. Successivi documenti normanni confermano che nel 1175 “Villa S.Elpidii” era residenza del barone Gimbuino. Dunque per un lungo lasso di tempo la città madre Atella ormai quasi totalmente abbandonata convive con il villaggio S.Elpidio sua appendice naturale. Il nome attuale S.Arpino (dialettale di S.Elpidio) compare ufficialmente per la prima volta nel 1592 quando il paese diviene feudo ducale del marchese di Grottola d.Alonzo Sanchez de Luna d’Aragona. In questo periodo vengono edificati la nuova chiesa di S.Elpidio, quella attuale, ed il palazzo ducale, residenza del feudatario, che sorge sulle rovine della vecchia chiesa. Il palazzo ducale venne poi restaurato ed ingrandito nel 1798 mentre la chiesa fu arricchita nel 1754 ed ampliata e riportata all’attuale stato nel 1884.

Numerosi sono i personaggi che S.Arpino partorisce nel panorama storico – culturale del Mezzogiorno d’Italia. Fra questi ricordiamo l’avvocato Carlo Magliola (1695 – 1760) difensore di S.Arpino contro le città di Napoli e di Aversa, l’abate Vincenzo De Muro (1757 – 1811) storiografo di Atella, direttore della Nunziatella, segretario della Accademia Pontaniana, Antonio Della Rossa (1748 - ….) direttore di polizia, Ministro di Ferdinando IV di Borbone, Marco De Simone (1713 – 1778) consacrato vescovo da papa Benedetto XIV. Con l’abolizione della feudalità da parte di Gioacchino Murat nel 1810, i Sanchez de Luna d’Aragona persero il loro ducato pur continuando ad abitare a S.Arpino nel loro palazzo fino al 1836. Per successioni ereditarie il palazzo ducale divenne proprietà dei Caracciolo nobile famiglia napoletana che raramente abitò il palazzo stesso. Nel 1903 il palazzo ducale venne acquistato e restaurato dal siciliano Giuseppe Macrì, tenente al seguito dell’esercito garibaldino. Alla sua morte avvenuta nel 1932 il tenente Macrì lasciò il palazzo ducale in eredità al Comune di S.Arpino.

 

Fonte: PRO LOCO SANT’ARPINO




images/stories/location
Carmela Barbato
 

Carmela Barbato

Direzione Culturale
Tel. 338.4821383
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Note Biografiche

CARMELA BARBATO

Nasce a Caserta.
Esperta di didattica teatrale, formatrice ed operatrice socio culturale
Svolge attività di formazione teatrale per insegnanti ed alunni presso scuole, enti e strutture teatrali.
Autrice di numerosi testi di Teatro-Scuola e Regista di diversi spettacoli teatrali.
Direttrice artistica e docente della scuola di teatro “Il Caleidoscopio” con sede a FRATTAMAGGIORE e MARCIANISE
Presidente dell’Associazione culturale “Il Colibrì”.
Ideatice , organizzatrice e direttrice culturale della Rassegna di Teatro-Scuola Pulci Nella Mente.
Formatrice I.S.P.E.F. (Istituto di Scienze Psicopedagogiche dell’Educazione della Formazione).
Counsellor della S.I.P.I (Società Italiana Di Psicoterapia Integrata).

Elpidio Iorio - Direzione Generale
 

Elpidio Iorio

Direzione Generale
Tel. 347.6261311
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Note Biografiche

Elpidio IORIO
Direzione Generale

 nasce il 28/04/73 a Napoli.

Laureato in Giurisprudenza. Giornalista pubblicista.
E' da circa 20 anni impegnato in un'intensa opera di valorizzazione della cultura atellana attraverso la promozione di eventi che spesso hanno suscitato una vasta eco non solo in Campania ma anche nel resto d'Italia.
Si è formato nella Pro Loco di Sant’Arpino, di cui è stato anche presidente. Fra le iniziative che ha contribuito ad organizzare si ricordano: la Sagra del Casatiello, la Pinacoteca d’Arte Contemporanea “Massimo Stanzione”, il Festival “AtellaJazz”, il “Carnevale Atellano”.
In qualità di giornalista lavoro da oltre un decennio con “Il Mattino” e altre riviste periodiche. Dirige due giornali locali: “La Vite e il Pioppo” – edito dal Centro di Educazione Ambientale per lo Sviluo Sostenibile di Succivo; “L’Oasi di Padre Pio” – organo di informazione dell’Associazione Nostra Signora di Fatima di Sant’Arpino.
E' stato dal 2005 al 2010 responsabile per la comunicazione istituzionale presso il consiglio Regionale della Campania. E' fondatore, con Antonio Iavazzo e Carmela Barbato, dell'Associazione Culturale "IL COLIBRI’", che promuove annualmente l'organizzazione della Rassegna Nazionale di Teatro-Scuola "PulciNellaMente, di cui è tra gli ideatori . Fin dalla nascita della Rassegna  ricopre il ruolo di direttore generale. E’ stato  Direttore generale del 1^ Festival Nazionale del Teatro-Universitario “Appello Straordinario”.
Impegnato in politica sin da giovane,  dal 1994 ad oggi è stato ininterrottamente  eletto consigliere comunale e per tre volte assessore, con deleghe tra l'altro alla Pubblica Istruzione, Cultura, Politiche Sociali.  Da assessore, la Regione Campania nel 2003 lo chiamò a far parte della delegazione che ha incontrato il governo greco per avviare iniziative di scambi culturali tra i due Paesi.
Dal 2008 è assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica, responsabilità che gli ha consentito di portare avanti la progettazione di un auditorium (per attività teatrali e musicali) che di recente ha avuto un finanziamento di circa 2 milioni necessario all'avvio dei lavori dell'opera.
Nel corso della sua attività di culturale e politica ha promosso e curato svariati convegni, seminari, gemellaggi, pubblicazioni, cataloghi, giornate studio ed iniziative dedicate alla riscoperta della storia atellana e alla promozione del territorio. 

Demo
 

Antonio Iavazzo

Direzione Artistica
Tel. 338.9924524
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Note Biografiche

Antonio IAVAZZO
Direzione Artistica

nasce il 15/01/61 Napoli.

Attore, Regista, Didatta e Formatore in Discipline Teatrali e dello Spettacolo ed in Tecniche di Creatività.

E’ Autore di Romanzi, Poesie, Testi Teatrali, Adattamento e Regia di Opere Teatrali, Letterarie e Poetiche di scrittori quali A. De Saint Exupery, F. Amato, A. Artaud, R. Alberti, P. Handke, S. Beckett,  V. Lamarque, W. Shakespeare, A. Cechov, R. Rosso, e altri. Ha pubblicato il romanzo “Il Nettare e il Colibrì” (Edizione La Riflessione, Cagliari - 2005) e la raccolta di Poesie “Epoche” (Edizione Libroitaliano, Ragusa – 2005).

Si è formato presso l'Accademia Drammatica del Teatro Bellini di  Napoli ed ha approfondito il Metodo Stanislavskij e le tecniche attoriali dei grandi maestri del Teatro Antropologico e di Sperimentazione: Artaud, Grotowski, Brook, Barba, etc. Ha studiato per cinque  anni Mimo Corporeo con il Maestro M. Monetta (Tecnica Decroux/Lecoq) ed ha seguito numerosi stages.

Ha lavorato con  M. Monetta, R. De Simone, A. Casagrande, N. Mascia, G. Cobelli, R. Siena, M. Rigillo, G. Rocca, P. Delbono, G. Magliulo, W. Manfrè, R. Carpentieri, L. De Berardinis, T. Russo, M. Santella.

E' stato protagonista in diversi cortometraggi e lungometraggi e nella Fiction Televisiva  Rai 3  "La Squadra" (Personaggio: R. Alfano - Capo della Scientifica. 1^ 2^ 3^ Serie).

Da anni si occupa di Formazione e di Pedagogia Teatrale e tiene Corsi e Laboratori tesi soprattutto alla promozione di forme e pratiche di Ricerca  e di Linguaggi Espressivi e Creativi Sperimentali.

Con il Prof. F.C. Greco (Docente di Storia del Teatro-Lettere e Filosofia-Università Federico II di Napoli) ha collaborato per il coordinamento delle attività del C.U.T. (Centro Universitario Teatrale) di Napoli.

Ha diretto per 2  anni (1999-2000; 2000-2001) il Laboratorio Teatrale Labor.inti Federiciani presso l'Università Federico II di Napoli.

E' fondatore e direttore artistico, con Wanda Marasco (Premio Montale per la Poesia), dell'Associazione Teatrale Tacito Dissenso (Na) e dell'Associazione Culturale Il Colibrì (Ce) con le quali cura l'allestimento e la regia di spettacoli teatrali e l'organizzazione e la promozione di eventi culturali e artistici.

E' stato fondatore dell'Associazione Nazionale Teatrale "I Teatri Invisibili", area di Studio, di Ricerca e di Attività Teatrali e Culturali a livello nazionale ed internazionale.

Dal 1998 è Ideatore, Promotore e Art Director della Rassegna Nazionale di Teatro-Scuola "PulciNellaMente".

Dall’anno accademico 2001 al 2005 è stato Promotore e Direttore Artistico del Laboratorio Teatrale “ L’Occhio Segreto”  promosso dalla Seconda Università degli Studi di Napoli.

Dal 2001 ad oggi promuove e dirige la Scuola di Teatro e Recitazione (per Adulti e Bambini) "Il Pendolo" (CE) - Progetto d'Arte e Creatività, con il Patrocinio della Regione Campania,  della Provincia di Caserta e del Comune di Caserta.

Nel 2003 – 2004 ha collaborato con il Maestro N. Areni per il Teatro Comunale di Caserta.

Dal 2009 dirige la Scuola di Recitazione “Il Caleidoscopio” presso il Teatro De Rosa a Frattamaggiore (NA)

Dirige Laboratori di Psicaonimazione, Art – Therapy, Tecniche di Conduzione di Gruppo in contesti culturali e teatrali, socio – sanitari (Scuole e Università, Istituti di Musicoterapia, ASL, Comunità per Tossicodipendenti, Presidi Psichiatrici, Centri di Riabilitazione, Strutture Residenziali e di Accoglenza,  Aziende, ecc.) 

Per diversi anni (6 anni) è stato docente in Tecniche di Recitazione e Regia  all'U.P.S. (Università Popolare dello Spettacolo) di Napoli.

E’ stato Ideatore,  Direttore Artistico e Culturale del 1^ Festival Nazionale del Teatro-Universitario “Appello Straordinario” che si è tenuto dal 21 al 29 Ottobre 2006 nei Comuni di Capua, Caserta, S.M.C.Vetere, Marcianise, Aversa.  Il Festival è stato promosso dall’Associazione “Il Colibrì”, dalla S.U.N. (Seconda Università degli Studi di Napoli), e patrocinato dal M.I.U.R., dalla Regione Campania e dalla Provincia di Caserta